Visite: 323

Cos’è l’ordine professionale? A cosa serve? Come ci si iscrive? Sono solo alcune delle domande a cui il dottor Luca Donolato, coordinatore della Commissione Giovani Medici e Odontoiatri dell’OMCeO veneziano ha risposto nell’incontro con gli studenti del sesto anno di odontoiatria dell’Università degli studi di Padova, che si è svolto ieri, lunedì 2 maggio 2022.
È stato un meeting concreto, nel quale sono stati affrontati tutti quegli adempimenti normati dalla legge che travolgono un giovane professionista all’inizio della sua carriera. ECM, assicurazione professionale, SPID, PEC, timbro e pubblicità sanitaria, Partita Iva e Sistema TS sono alcuni degli argomenti trattati che, presi tutti insieme, sembrano un impegno insormontabile, ma analizzati singolarmente sono facilmente gestibili.

«La Commissione Giovani dell’Ordine – ha spiegato il dottor Donolato agli universitari – nasce proprio per questo scopo. Anche noi da neoiscirtti avevamo molti dubbi, molte perplessità e per trovare delle risposte efficaci ed efficienti ci siamo aiutati a vicenda. A volte l’esperienza di chi ci è già passato aiuta a non incappare in qualche errore che può segnare l’intera carriera. Ecco quindi che chiedere un consiglio anche ai consulenti fiscali o legali del proprio Ordine provinciale semplifica la vita a costo zero».

Durante l’incontro si è anche parlato della contribuzione ENPAM, la cassa previdenziale dei medici e degli odontoiatri, e del fondo sanità perché prima si comincia a versare anche una quota minima – per esempio con l’iscrizione all’ENPAM già al quinto o al sesto anno, come studente o come contribuzione volontaria al fondo sanità dedicata ai soli sanitari – prima si comincia ad accumulare un piccolo tesoretto, un investimento che può avere un’ottima resa nel tempo.
Il meeting è durato circa un’ora e si è concluso animato da numerose domande da parte degli studenti, che si sono dimostrati molto interessati ad argomenti di cui poco si parla durante il corso di studi all’Università, ma che diventano realtà, una realtà a volte complessa, dal primo giorno di lavoro.

«È la prima volta – ha sottolineato Luca Donolato – che l’Ordine raggiunge i futuri iscritti direttamente sui banchi dell’Università ed è un’opportunità da cogliere al volo e da replicare in futuro. L’iniziativa è nata da una collaborazione diretta con l’ateneo patavino mediata dai professori Edoardo Stellini e Christian Bacci, a cui vanno i nostri ringraziamenti».

Luca Donolato, Coordinatore Commissione Giovani Medici e Odontoiatri OMCeO Venezia